Alfabetizzazione finanziaria: perché non si può più aspettare  -

La non conoscenza delle "cose" di finanza, sommata alla mala fede, può creare guai

 -

Giovedì 17 Dicembre 2015 - Diciamo che da giorni, ormai, non si parla d'altro: le difficoltà di alcune banche italiane minori hanno gettato sul lastrico un elevato numero di ignari risparmiatori.

Diciamo pure: non si parla mai tanto a sproposito come quando non si conosce la materia trattata. E non mi riferisco agli utenti che, legittimamente (?), non conoscono certe dinamiche: parlo di giornalisti "generalisti" che, muovendosi in larga parte sulla base del "mestiere", e di un presunto buon senso, e puntando a toccare "la pancia" di chi ascolta, hanno dimostrato, semplicemente, di non essere in grado di centrare il perno della notizia. Così facendo, non stanno rendendo un buon servigio all'informazione, di cui tanto si sentirebbe il bisogno.

Se poi si aggiunge che la maggior parte del pubblico, solo a sentir parlare di finanza "cala la saracinesca" dell'attenzione, il quadro è completo.

Vorrei argomentare parlando di un'intervista a cui ho assistito ieri sera, durante uno dei tanti programmi televisivi dedicati alla vicenda, resa da una risparmiatrice: a suo dire, i suoi risparmi (se non ricordo male, circa 260.000€) investiti in azioni della Banca Popolare di Vicenza, sono diventati indisponibili a causa delle difficoltà dell'istituto e, in più, hanno visto il loro controvalore ridursi a (circa) 190.000€.

Che dire?

Hai deciso di investire, consigliata (anzi mal consigliata) da chissà chi, LA TOTALITÀ dei tuoi risparmi su azioni (TUTTI dovrebbero sapere che quello in azioni è tra gli investimenti più rischiosi) e per di più su UN UNICO TITOLO, quello di una banca che certamente tra le più solide non è... Direi che ce n'è abbastanza per eccepire alla signora di non essersi comportata come "normale" prudenza vorrebbe.

Siamo davanti all'ennesimo caso in cui la non conoscenza (e, direi anche, l'assenza di una qualsivoglia idea del concetto di rischio), unitamente alla "scarsa professionalità"* di qualcuno, ha dato i suoi risultati: nè serve alla causa dell'informazione il primo piano dell'espressione triste della signora con la lacrimuccia che fa capolino dietro le palpebre... Molto più serio, ed utile, sarebbe stato spiegare, a chiare lettere, che non si devono comprare titoli azionari se non se ne hanno chiare le caratteristiche; che (tantomeno!) si possono concentrare i propri investimenti, magari i risparmi di una vita, su un solo titolo, o anche su pochi titoli, fossero anche i più sicuri di questo mondo.

Si consultino persone capaci, che sappiano spiegare con dovizia di particolari gli effetti di una scelta finanziaria, e che sappiano motivare in modo comprensibile da chicchessia le RAGIONI a supporto di un certo consiglio. 

Spesso i conflitti di interesse sono insiti nella natura stessa di alcune posizioni lavorative: ciò che cambia le cose è il modo in cui il conflitto di interesse viene gestito.

L'informazione è alla base di qualsiasi correttezza commerciale.

L'etica è essenziale: al consumatore l'onere, se proprio non vuole formarsi una conoscenza, anche minima, almeno quello di distinguere un operatore esaustivo e preparato da un altro incapace di motivare i propri suggerimenti con serietà e argomenti oggettivi.

Alla prossima

 

*P.S.: poiché ho l'impressione di non essere stato sufficientemente chiaro su ciò che penso degli operatori disonesti, prego fare riferimento a questo mio contributo di qualche settimana fa...

 

 -

Condividi questo articolo


Vuoi fissare un incontro? Chiedi informazioni a
Ettore Lachina - Consulente Finanziario.
Compila il seguente form:

* inserisci un indirizzo valido

ho preso visione dell'informativa sulla privacy ed esprimo il consenso al trattamento dei dati personali in conformità all'art. 13 del D. Lgs. 196/2003. *
si, voglio ricevere informazioni periodiche tramite newsletter

Per inoltrare la richiesta è necessario inserire il codice di verifica riportato nell'immagine sottostante:
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code
Refresh Ricarica Immagine

per attivare il tasto è necessario selezionare il checkbox relativo all'informativa sulla privacy

Cell. 335 8137760

Consulenza Finanziaria Evoluta

Tu sei qui: Home > News > Alfabetizzazione finanziaria: perché non si può più aspettare 

Ettore Lachina - Consulenza Finanziaria Evoluta Caltanissetta
Via Don Minzoni n. 231/A - 93100 Caltanissetta (CL - Sicilia)
Tel. 0934.551122 - Cell. 335.8137760
P. IVA 01889730857 - REA: 106095 - Contatti

© Tutti i diritti riservati - Le informazioni riportate sono curate e raccolte direttamente da Ettore Lachina. Non costituiscono né una richiesta, né un'offerta o raccomandazione all'acquisto / alla vendita di strumenti finanziari, all'esecuzione di determinate transazioni o alla conclusione di un'altra operazione di investimento. Queste informazioni hanno carattere unicamente illustrativo.

Il profilo Facebook di Ettore Lachina, consulente del risparmio in Sicilia Il canale YouTube di Ettore Lachina, consulente del risparmio in Sicilia